Torino, all’Oval Lingotto la prima tappa dell’Italian Drift Challenge 2015

Domenica 26 aprile presso l’Oval Lingotto, lo stadio costruito per ospitare le gare di pattinaggio di velocità dei XX Giochi Olimpici invernali di Torino 2006, si disputerà il primo round dell’Italian Drift Challenge organizzato da Nosorog Motosport e DMD Drifting Academy, con il patrocinio di Black Energy, Fedima Tyres e Liveapp-Results. L’evento è sponsorizzato dalla “Nuova Demolizione” di Rivoli, dalla DMD Drifting Academy (scuola di drifting) e da Liveapp-Results. I piloti si sfideranno sul tracciato disegnato esattamente come quello della finale del famoso D1GP Tokio Drift in Odaiba. Oltre al campionato italiano (http://www.italiandriftchallenge.com/) si disputerà anche una tappa del campionato francese (http://drift-events.fr/calendrier.html) che ha una grande rilevanza a livello europeo. Il campionato ha già superato le 50 iscrizioni. L’orario d’inizio delle competizioni è fissato per le ore 9 del mattino. Il drifting è una tecnica di guida che consiste nel percorrere le curve facendo assumere agli pneumatici posteriori un “angolo di deriva” (slip angle) differente rispetto a quelli anteriori (sovrasterzo controllato). Con questa tecnica, la parte frontale e il retro dell’automobile viaggiano con angoli d’inclinazione diversi, slittando in diagonale. La tecnica di guida è molto spettacolare e complicata da utilizzare e viene impiegata per eseguire curve molto strette ad altissima velocità. La disciplina è nata in Giappone, durante la sperimentazione di motori da competizione e trazioni 4X4 sempre più orientate alla trazione posteriore: in questo modo si iniziò ad eseguire curve in maniera sempre più veloce. Spesso nell’utilizzo di questa tecnica si utilizza il freno a mano tirato all’imbocco della curva, ma c’è anche un’altra maniera di fare drifting, ovvero quella di entrare in curva a velocità elevate a giri altissimi (in modo da avere sempre a disposizione tutta la potenza del motore) circa a 45° rispetto all’angolo di curva, lasciando slittare le ruote posteriori e bilanciando la sterzata in modo tale da uscire in parallelo al rettilineo o al cambio successivo alla curva. A diversi anni dalla nascita del drifting, oggi si possono contare oltre 200 competizioni internazionali (tra le quali circa 150 in Giappone) nel solo utilizzo di questa tecnica. Per gli spettatori dell’Italian Drift Challenge un’occasione unica: con l’evento Taxi Drift organizzato dalla DMD Drifting Academy, scuola professionale che organizza corsi per gli appassionati di questa disciplina, sarà possibile “fare un giro” con un pilota professionista a bordo di un’auto da corsa… solo per veri coraggiosi! Chi invece volesse provare il drifting attraverso un simulatore, sarà accontentato: l’RSR Gaming Racing Team propone un “simulatore drift” per “slittare” comodamente seduti in poltrona! L’ingresso costa 10 euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...