Opera…news

Al debutto del 66/o Festival Pucciniano di Torre del Lago ieri, sabato 27 giugno, per la prima opera in forma scenica che viene rappresentata in Europa dopo il lockdown, era Covid… Gianni Schicchi, unica opera buffa di Giacomo Puccini. Sul palcoscenico si recita e si canta con le mascherine chirurgiche e i 700 spettatori – è un ‘tutto esaurito’ ma è la metà dei possibili posti, 1500 – osservano il distanziamento sanitario.

L’opera è ambientata proprio al tempo del Coronavirus, scelta voluta dalla regista argentina Valentina Carrasco, in una Firenze deserta come non si era mai vista. Inoltre, sullo sfondo della scena scorrono in video immagini vere, tratte dall’attualità. Chi si vede? I protagonisti della pandemia, dal premier Giuseppe Conte, ai governatori della Campania, De Luca, e della Lombardia, Fontana, quest’ultimo proposto mentre indossa la mascherina chirurgica nei primi giorni dell’emergenza quando il virus cominciava a dilagare.

E’ un omaggio a tutti i morti di Coronavirus, in particolare agli anziani deceduti nella solitudine degli ospedali. E’ l’unico momento triste dell’opera, un momento di raccoglimento, di riflessione per coloro che non ci sono più.

Bellissima rappresentazione

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...