IN PUNTA DI PENNA “Vita da Libro”

Quando un libro varca la soglia della libreria non sa quale futuro, favorevole o malaugurato, abbia in serbo per lui il destino. Fresco di stampa, oppure maturo e invecchiato perché reduce da innumerevoli peripezie tra scaffali e magazzini, attende di intraprendere una nuova vita.

Nel buio della scatola che lo protegge e avvolge come un grembo materno è circondato da volumi di ogni genere e provenienza. Alcuni si presentano eleganti, ammalianti e irresistibili. Copertine intriganti, titoli accattivanti, impaginazione perfetta e profumo inebriante. Sostenuti dalle maggiori case editrici hanno la strada spianata e il successo assicurato. Altri arrivano timidi e anonimi. Colori smorti, titoli poco interessanti e odore sgradevole. La vita per questi randagi è decisamente più complessa e piena di ostacoli. Ma a volte giunge inaspettato proprio colui che cerca “l’outsider”, l’anello debole della distribuzione e del marketing e che decide di lasciarsi andare all’istinto e dare fiducia a quel sesto senso tanto osannato.

In quella scatola, però, sono tutti uguali: ammassati, compressi, sottosopra e soffocati dal polistirolo. Quando emergono, un po’ frastornati dal viaggio e dalla luce, si affidano traboccanti di speranze e di aspettative alla custodia dei librai. Ogni libro inizia una nuova fase in cui dal proprio scaffale attende pazientemente che qualcuno lo noti e ne rimanga incuriosito. A volte, quasi volesse attirare l’attenzione dei presenti, un impavido volume sembra lanciarsi improvvisamente nel vuoto e precipitare a terra senza un motivo evidente. Mi piace pensare che sia uno di quelli giovani e inesperti che, preso da impazienza, non regga il peso dell’attesa! Purtroppo, però, rischia di trascorrere giorni e giorni immobile senza che nessuno nemmeno lo sfogli o lo degni del minimo interesse. I giorni possono diventare mesi e il libro perde di freschezza, le pagine ingialliscono e la copertina invecchia. Il tempo scorre inesorabile e il periodo di permanenza in libreria si accorcia sempre di più. Se entro pochi mesi non ottiene il successo previsto e richiesto dalle dure leggi del mercato ritorna al magazzino di provenienza per lasciare spazio ai nuovi arrivi. Il ciclo di vita di un libro è davvero molto veloce e spietato. Quanto stress e quanta ansia da prestazione!

Nulla è perso, però. La vita in deposito è certamente più triste e solitaria, ma rimane la speranza che si presenti qualcuno in un negozio piccolo e sconosciuto, oppure famoso e fornitissimo e richieda proprio quel volume un po’ ammaccato e disilluso.

Quando finalmente un libro riesce a conquistare la fiducia di un cliente e a trovare una famiglia di adozione deve abbandonare quella provvisoria, che si è occupata del suo stato di salute e di conservazione, e affrontare il mondo. Ecco che comincia una nuova avventura in balia degli eventi e della sorte. Da questo momento in poi il libro deve sottostare alle regole e abitudini di chi lo ha scelto e acquistato. In alcuni casi riceve le attenzioni e le cure più amorevoli e viene custodito con devozione e rispetto, quasi fosse un oggetto di culto. A volte, invece, giace abbandonato su un treno o nella camera di un albergo o sotto un ombrellone. Capita che debba accompagnare la persona nell’arco di tutta la giornata, in una borsa o in una tasca, comodo o schiacciato, oppure che debba aspettare su un tavolo o un comodino per ore nell’attesa che il padrone rientri e prima di dormire gli dedichi la dovuta considerazione.

La vita di un libro é ricca di possibilità e di opportunità, ma rimane appesa al filo sottile dell’imprevedibilità umana e della volubilità del suo stato d’animo.

Lucy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...