Domani sera “Notte Celtica” al San Galgano International Music Festival di Chiusdino

Il San Galgano International Music Fest di Chiusdino (Siena) non poteva mancare di offrire il suo tributo alla cultura irlandese. Ospiti quindi dell’Abbazia italiana nota per la sua spada nella roccia, Kay McCarthy, da quarant’anni portavoce della musica celtica in Italia e i Morrigan’s Wake, il gruppo ravennate che ha fatto della ricerca sul sound irlandese la propria cifra stilistica. Appuntamento per domani sera, sabato 18 luglio 2014.  Kay McCarthy è a tutti gli effetti la portavoce della musica irlandese in Italia e nei suoi concerti presenta il sunto di una carriera quarantennale: un distillato dello straordinario repertorio cantato e raccontato fino ad oggi. Una carriera segnata da suoni ed album che hanno raccontato con passione e freschezza l’Irlanda, i suoi usi e costumi, le leggende. Una musicalità gioiosa capace di ammaliarci con toni melanconici e appassionati, che da anni cattura il suo pubblico. Un viaggio tra le note di una voce e le corde di un’arpa, un viaggio tra tradizione orale e misticismo, tra natura e protesta: un viaggio nella terra d’Irlanda. La Line Up prevede: Kay McCarthy voce, arpa celtica; Susanna Valloni al flauto, ottavino, recorder e tin whistle; Cristiano Brunella al violino, Fabio de Portu alle chitarre, Stefano Diotallevi al pianoforte e Piero Ricciardi a bodhrán e cnámha. Morrigan’s Wake, ovvero “Il risveglio di Morrigan”, trae il suo nome da una delle tre dee della guerra venerate nel culto dell’Irlanda pagana, insieme a Badb e Neiman. Da Morrigan (letteralmente “regina dei demoni” o “grande regina”) si suppone si sia sviluppata nei secoli successivi la figura di fata Morgana. Il gruppo nasce a Ravenna nell’estate del 1981 proponendo prima un repertorio di danze bretoni e ballate della resistenza irlandese, allargando via via l’attenzione verso le musiche da ballo di Scozia, Galles e della stessa Irlanda. Dopo questo primo periodo, Morrigan’s Wake rivolge la propria attenzione verso la ricerca di possibili analogie musicali tra l’area celtica del nord Europa e quella celtico-padana. Sul palco saliranno: Tiziana Ferretti, voce, bodhran; Barbara Mortarini, flauto dolce, contralto, tin whistle, low whistle; Davide Castiglia, violino, nickelharpa; François Gobbi, basso elettrico; Maurizio Lumini, fisarmonica; Massimo Pirini, voce, chitarra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...