Cervinio Cinemountain

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI MONTAGNA , PROSEGUE LA SEZIONE DEDICATA AI FILM IN CONCORSO MENTRE L’INCONTRO DI ENRICO MONTROSSET E’ CON IRENE AFFENTRANGER 4 AGOSTO. Per i film in concorso sono stati selezionati oltre trenta film che rappresentano il meglio della produzione di filmografia di montagna nel mondo intero. Ad una giuria internazionale (Italia, Polonia, Svezia, Irlanda) di qualità spetterà il compito di attribuire i numerosi premi fra cui il gran premio Cervino CineMountain Conseil de la Vallée e il Grand prix, oscar degli oscar di film di montagna. Le proiezioni saranno intervallate dalle presentazioni editoriali, intitolate i “Racconti verticali” e che coinvolgeranno scrittori del calibro di Enrico Camanni, Marco Albino Ferraris e case editrici specializzate quali Priuli e Verlucca, Tararà, Feltrinelli e Liaisons. Nel dettaglio: ore 15,00-18,30 Sala dei Congressi – Centro Polivalente Proiezione dei film in concorso: Carstens z – The seventh summit (SLOVACCHIA, 2008, 45′) di Pavol Barabaš, produzione K2 Studio Production. Il Puncak Jaya, detto piramide di Carstensz dal nome dell’esploratore danese che l’ha individuato per primo, svetta nel cielo della Nuova Guinea, circondato da una giungla incontaminata. Esotica e maestosa, si tratta di una delle vette meno accessibili in assoluto, meta ambita dagli alpinisti di tutto il mondo. Il film racconta questo posto unico e suggestivo e le difficoltà estreme che si devono affrontare per raggiungerlo, la diffidenza delle tribù indigene che ancora oggi ostacolano il passaggio degli stranieri e la bellezza senza pari di questa piramide calcarea, che si innalza al cielo per ben 4884 metri.

Pavol Barabáš è un regista slovacco e un grande viaggiatore. Vicepresidente della Slovak Film Academy, ha realizzato numerosi documentari, girando in posti in cui, prima di allora, l’uomo aveva messo piede raramente. Sempre alla ricerca di esperienze estreme e spinto da uno spiccato spirito di avventura, con i suoi film ha ricevuto più di 150 riconoscimenti, nella sua nazione e all’estero. L’arbre (FRANCIA, 2008, 12′) di Cecile Verstraeten, produzione Les films sauvages Yacine lavora per Pierre come operaio da tanti anni. Pierre ormai è vicino alla morte e chiede a Yacine di farlo salire su un albero, dove per i due comincerà una lunga attesa.

Cécile Verstraeten è originaria di Bruxelles, ma vive a Parigi. Da autrice ha realizzato corti e documentari, tra cui Cyclo (2008), Abuelita (2004), selezionato per il Festival Escales Documentaires de la Rochelle del 2004, L’Odyssee du Volontariat (2002), Whop tak trankil (2001) e Astrid (1998).  Associazione Culturale Strade del Cinema Regione Borgnalle 10/e – 11100 Aosta
tel. 0165/230.528 – fax 0165/360.413 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...